share

Storia della Distribuzione Desmodromica

Primo comando valvola Desmodromico realizzato tramite "camma anulare sagomata".

Il comando valvola Desmodromico realizzato dalla francese Bignan

Ecco la soluzione proposta dalla FIAT.

Il comando Desmodromico montato sulla Mercedes di Formula 1, vincitrice di due mondiali con Fangio.

Il sistema Mercedes derivava da un'idea di J.L. Norton, fondatore dell'omonima fabbrica

Il primo comando Desmodromico realizzato dall'Ing. Taglioni per Ducati e montato sulla 125 Desmo.

Il primo Desmo utilizzato nella produzione di serie della Mark 3 nel 1968.

Il diagramma Desmodromico di un bicilindrico a due valvole.

 
 

Il termine Desmodromico deriva dai termini greci "DESMOS" (legame) e "DROMOS" (corsa, percorso); in meccanica viene usato per citare meccanismi che dispongono sia di un comando per attivarli in un senso sia di un apposito comando per attivarli nell'altro (detto chiusura o ritorno).

Attualmente, nell'uso comune, per "Desmodromico" si intende il sistema di comando delle valvole tipico delle nostre moto: attualmente è impiegato su tutti i Bicilindrici in produzione e rappresenta una delle esclusività universali Ducati; in pratica le valvole (di scarico e di aspirazione) sono comandate sia nel moto di apertura che in quello di chiusura, normalmente demandato al ritorno di una molla.

Il concetto di "Desmodromico" non è una scoperta recente, in meccanica è noto da secoli e, in campo motociclistico e automobilistico, compare già all'inizio del XX secolo, prendendo le forme più disparate. Nel passato, infatti, l'inaffidabilità cronica delle molle (è buffo ripensare ai manuali che raccomandavano una scorta di molle a chi si metteva in viaggio in moto...molle spesso disposte all'esterno del motore in posizione accessibile per una facile sostituzione) ha spinto i progettisti verso questo sistema, dando luogo a diverse interpretazioni. Nessuna delle soluzioni che vedremo - tranne Ducati ovviamente - è però giunta alla produzione di serie per motivi di lavorazioni e materiali che comportavano complessità e costi proibitivi.

1910
L'inglese Arnott inventa il primo sistema Desmodromico, che sfrutta uno speciale elemento sagomato nel quale si muove la camma, più una punteria ad anello con molla.

1920
La francese Bignan realizza una vettura sportiva spinta da motore Desmodromico: il comando valvola è affidato ad un particolarissimo sistema basato su "camma circolare sghemba a disco".

Vinse la "24 ore di Spa" e stabilì alcuni record sulla pista di Brooklands, in Inghilterra, ma costi di realizzazione e necessità di continua manutenzione non ne permisero la messa in produzione.

1923
Ecco la soluzione proposta dalla FIAT, che impiega una "doppia camma facciale e traversino a rulli".

1954
Brillanti risultati da Mercedes che sfrutta il Desmo in Formula 1.
Il favoloso 8 cilindri della W196, con la quale Fangio vince due mondiali, utilizza un sistema di comando valvola molto evoluto ed essenziale: una camma (apertura) agisce direttamente su un pattino all'estremità superiore dello stelo (punteria cilindrica), mentre un'altra (chiusura) utilizza un bilanciere disassato che si impegna in un foro della stessa punteria.

ANEDDOTO
Enzo Ferrari, preoccupato dal potere delle frecce d'argento, pensava molto al Desmo in quei tempi...ne parlò anche con Taglioni: forse fu in quell'occasione che il Desmo Ducati fu concepito!

1956
L'ingegner Taglioni apre in Ducati la via Desmodromica: la 125 da Gran Premio monta per la prima volta (il debutto nel GP di Svezia con la vittoria di Degli Antoni) una distribuzione Desmodromica a tre alberi a camme in testa mossi da albero verticale e coppia conica.
Da qui in avanti la storia Desmodromica diventa un'esclusiva Ducati.

1958
Il sistema Mercedes derivava da un' idea di J.L.Norton, creatore dell'omonima fabbrica, che propone finalmente una moto di 500 cc con distribuzione Desmodromica a quattro alberi a camme in testa: molto macchinoso ed ingombrante venne però abbandonato.

1968
Per vedere il primo Desmo nella produzione di serie bisogna aspettare il 1968, con la Mark 3 Desmo 250 e 350. Questa moto ha in pratica la stessa distribuzione delle Bicilindriche attuali (due valvole) a testimonianza della sua estrema bontà. All'epoca era possibile ottenere la testa Desmo con un sovrapprezzo sul listino di lire 35.000 sul valore della moto stessa.

1972
Data fondamentale nella storia del Desmo: viene utilizzata la prima versione del sistema Desmo in occasione della "200 Miglia di Imola" del 1972.
Due anni dopo, sull'euforia della splendida vittoria di Paul Smart in tale competizione, entra in scena la 750 SS Desmo: la prima Bicilindrica Desmo di serie e da molti considerata la più bella moto di tutti i tempi.

1987
Lucchinelli vince la gara di Daytona del BoTT a cavallo di un prototipo 851 cc raffreddato ad aria con distribuzione a quattro valvole: inizia l'era moderna per il Desmo e una serie di successi interminabile nel mondiale Superbike.

1988
Il Desmoquattro entra nel Gotha del motorismo mondiale: viene presentata la 851 SBK, prima moto di serie dotata di motore Desmo a quattro valvole per cilindro.

1994
Si apre l'era moderna del motociclismo con la nascita della fantastica 916.

2000
L'ultima evoluzione del Bicilindrico a quattro valvole nel secondo millennio equipaggia la 996R, modello di punta della produzione del 2000, e mostra, fra le altre novità, una distribuzione ridisegnata. Eroga 136 CV (100 kW) a 10200 giri e 101 Nm a 8000.

 

Iscriviti alla newsletter
In pole position per le novità Ducati!

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati. Puoi in qualsiasi momento completare la tua registrazione e creare il tuo profilo su Ducati.com per ricevere comunicazioni personalizzate e accedere a tutte le funzionalità.
Dichiaro di aver preso visione dell'informativa redatta ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003 e dell'allegato testo dell'art. 7 del Codice privacy

acconsento al trattamento del mio indirizzo email per le finalità ivi indicate

Inserisci il tuo indirizzo mail