share

L'ultima lettera ufficiale di Bruno Cavalieri Ducati

Bruno Cavalieri Ducati

I tre fratelli Ducati: Adriano, Bruno e Marcello Cavalieri Ducati

 
 

Il 30 marzo 2001 Bruno Cavalieri Ducati inviò idealmente una lettera agli ex dipendenti Ducati della fine degli anni '30, vera età dell'oro per l'azienda bolognese.
Ma il suo messaggio era rivolto in realtà a tutti coloro che in 75 anni di storia avevano contribuito al successo della Ducati.

Oggi che Bruno ci ha lasciato quella lettera suona quasi come il suo testamento spirituale, come monito per tutti noi a continuare con coraggio e passione sulla strada intrapresa da altri molti anni fa.
Pubblichiamo la lettera pensando di fare cosa gradita a Bruno, che forse lassù da qualche parte ci guarda...

Nota: nel testo si fa riferimento a 'Tonino'. Si tratta del figlio Antonio che il 30 marzo si é recato appunto in Ducati a consegnare la lettera del padre.


Cari amici, è con grande commozione che vi penso insieme per ricordare una fantastica pagina della mia, della nostra vita. Vi mando "Tonino" per portarvi queste mie parole, perché possa trasmetterle con il calore e l'affetto che sento per voi.

Con Voi, e con tanti che non ci sono più, abbiamo creato 70 anni fa una sfera concentrata di inventiva, capacità lavorativa, ingegno e umanità che sembra destinata a resistere alle insidie dei tempi, a rinnovarsi continuamente per effetto delle nuove leve e a proiettarsi in un concreto e solido futuro.
E' certo che Adriano, Bruno e Marcello hanno posto il primo seme, ma è altrettanto vero che senza di voi, senza il vostro impegno, le vostre capacità ed il vostro affetto tutto si sarebbe spento da tempo.

Vi abbraccio tutti nel nome della nostra grande famiglia e invoco su di voi e sul vostro futuro la benedizione del Signore.

Bruno