share

Il recupero della storia Ducati

Enrico Resmini, nato a Trieste il 1° luglio 1899

Un raro rasoio Raselet, prodotto da Ducati ai tempi del Dott. Resmini

Alcuni degli oggetti gentilmente concessi dal Professor Resmini alla Ducati

Microcamera Ducati appartenuta ad Enrico Resmini

Il Prof. Pierpaolo Resmini, figlio di Enrico

 
 

Una domanda che in molti si pongono è: come, in una azienda quale Ducati, si venga a conoscenza di informazioni o documenti legati al passato. Non si tratta di un compito facile, perché la cultura della salvaguardia del patrimonio storico di un'azienda è cosa piuttosto recente. Come si arriva a conoscere, quindi, la storia passata quando non esiste più traccia nel luogo di origine?

Nel caso di Ducati sono stati molto d'aiuto i rapporti amichevoli instaurati con ex dipendenti e figli di alcuni di questi, che in alcuni casi hanno realmente aperto le porte ad archivi privati attraverso i quali siamo riusciti ad arricchire buona parte della storia conosciuta di Ducati e che è raccontata nelle pagine di questo sito.

Una di queste persone è il Professor Pierpaolo Resmini, insigne figura e professore ordinario di Scienze Agrarie all'Università di Milano, che ha ottenuto molti riconoscimenti internazionali tra cui, dal Presidente della Repubblica, la Medaglia d'oro per la Scienza, l'Arte e la Cultura e l'onorificenza di Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica. Al Professor Resmini dobbiamo la riconoscenza di poter essere entrati in possesso di una ricca documentazione e di alcuni oggetti prodotti dalla Ducati tra il 1936 e il 1957, in quanto il padre, Dottor Enrico Resmini, collaborò con la Ducati dei primissimi anni.

Enrico Resmini, nato a Trieste il 1 luglio 1899, dopo avere conseguito la laurea in Economia alla Università Bocconi di Milano, entrò in Ducati (allora Società Scientifica Radio Brevetti Ducati) nel 1938, con la mansione di capo dell'Ufficio Normalizzazione e Organizzazione del Lavoro. Dal 1945 al 1948, divenuto dirigente, come Segretario della Direzione Generale e preposto alla Contabilità Generale, trattò ed ottenne per la Società i vari finanziamenti a lunga scadenza. Nel 1949 diviene Direttore dell'Amministrazione Speciale, con l'incarico di attuare il concordato preventivo, e nel 1950 diviene capo della Segreteria Aziendale e sovrintendente della sede di Milano, ove erano accentrati tutti i servizi commerciali dell'azienda. Nel 1952 ritornò a Bologna come Direttore Amministrativo e dal 1954 al 1957 rivestì il ruolo di Direttore della Società a seguito della creazione della società di esercizio Ducati Elettrotecnica s.p.a. e Ducati Meccanica s.p.a.

Attraverso il figlio Pierpaolo, Ducati è venuta a conoscenza di interessanti documenti relativi alla gestione amministrativa dell'azienda di Borgo Panigale, di una serie di immagini inedite della vita dello stabilimento e di documentazione legata al periodo più buio dell'azienda, quello della Seconda Guerra Mondiale.
Tra gli oggetti gentilmente concessi dal Professor Pierpaolo Resmini, troviamo: una microcamera Ducati, una radio di gran pregio e un raro rasoio Raselet. Ma la cosa che fa maggiormente piacere è constatare il grande affetto che ancora adesso lega persone come il Professor Resmini alla nostra azienda.

E' doveroso pertanto ringraziare tutti coloro che ancora oggi contattano Ducati per raccontare la storia di persone che, in qualche modo, hanno contribuito a renderla la grande azienda dei giorni nostri. Se non fosse per il loro contributo, probabilmente ora non sarebbe possibile ricostruire con tanta pazienza e così dettagliatamente la storia di una grande marca italiana.

 

Iscriviti alla newsletter
In pole position per le novità Ducati!

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati. Puoi in qualsiasi momento completare la tua registrazione e creare il tuo profilo su Ducati.com per ricevere comunicazioni personalizzate e accedere a tutte le funzionalità.
Dichiaro di aver preso visione dell'informativa redatta ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003 e dell'allegato testo dell'art. 7 del Codice privacy

acconsento al trattamento del mio indirizzo email per le finalità ivi indicate

Inserisci il tuo indirizzo mail