share

750 GT

Il prototipo della 750 GT nell’autunno del 1970. Gli studi iniziali sulla prima Bicilindrica stradale Ducati risalgono all’inizio del 1970.

La 750 GT del 1971 fu la prima Ducati stradale, spinta da un motore Bicilindrico ad “L” di 90°.

La 750 GT: la prima maxicilindrata prodotta da Ducati.

 
 

Le origini di molte moto sono spesso avvolte nel mistero, ma l'esatta evoluzione della Ducati 750 GT può essere ancora definita.
I Bicilindrici a coppie coniche a V di 90°, definiti "a elle", hanno una precisa data di nascita: il 20 marzo del 1970. Lo storico britannico Ian Faloon riferisce che Fabio Taglioni realizzò il primo schizzo di quello che sarebbe diventato il suo motore più famoso e più amato, e che negli anni avrebbe ottenuto l'affettuoso soprannome di "pompone", l'ultimo giorno d'inverno del 1970.

Non passò molto tempo prima che il prototipo arrivasse sul banco. Era un Bicilindrico disposto longitudinalmente e in una configurazione a V di 90°. Dal punto di vista dell'equilibratura, questa era la scelta migliore.
Il metodo di Taglioni era diretto, logico e pratico: visualizzò la moto come un veicolo sportivo essenziale. La distribuzione era lo stesso monoalbero a coppie coniche dei monocilindrici, mentre la cilindrata di 750 cc venne ottenuta con alesaggio e corsa di 76 x 75 mm. Il prototipo venne costruito in fretta.

Ne risultò una moto molto personale, in cui il motore giocava un ruolo centrale anche dal punto di vista estetico.

La moto finale era molto simile al prototipo. La GT 750 vide la luce nel giugno del 1971. Aveva il telaio più dimensionato rispetto al prototipo, mentre i carburatori erano Amal Concentric da 30 mm. L'avantreno montava un freno a disco Lockheed. Il nome stesso, Gran Turismo, rivelava subito che non si trattava di una moto sportiva, ma il potenziale del Bicilindrico fu subito chiaro agli estimatori.

 

Specifiche tecniche

  • MOTORE

  • TRASMISSIONE

  • VEICOLO