share

Anni 2000

Gli anni 2000 sono stati estremamente importanti sia per le competizioni che per il consolidamento di Ducati nel mercato mondiale motociclistico. Da sottolineare il debutto in MotoGP e il successivo Titolo Mondiale e il cambio gestionale che ha visto l’ingresso di Investindustrial.

La tripletta di Troy Bayliss nel Campionato Mondiale Superbike (2001, 2006 e 2008) ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei Ducatisti.

Troy Bayliss ebbe il compito di sostituire l’infortunato Carl Fogarty nella stagione 2000.

La vendita online della MH900e nel 2000, progettata da Pierre Terblanche, fu un successo internazionale.

Il 2003 segna il debutto di Ducati in MotoGP. In quell’anno Loris Capirossi conquista la prima storica vittoria sul circuito di Catalunya.

Il World Ducati Week, nato nel 1998, diventa l’evento mondiale per tutti gli appassionati Ducati.

Il World Ducati Week, nato nel 1998, diventa l’evento mondiale per tutti gli appassionati Ducati.

Per la prima volta nella storia del motociclismo una Casa italiana realizza una vera replica di una moto da corsa. Nasce nel 2006 la Desmosedici RR.

Il 2007 è l’anno del trionfo nel Campionato Mondiale MotoGP. Casey Stoner e Ducati si aggiudicano il titolo piloti e il titolo costruttori.

Il 2007 è l’anno del trionfo nel Campionato Mondiale MotoGP. Casey Stoner e Ducati si aggiudicano il titolo piloti e il titolo costruttori.

La seconda metà degli anni 2000 è stata rappresentata da nuovi modelli sempre più evoluti.

 
 
Il sogno continua
L'anno 2000 vede la nascita della MH900e, progettata da Pierre Terblanche, la prima moto venduta esclusivamente su Internet; in seguito al successo dell'iniziativa, Ducati rafforza l'impegno sul Web creando Ducati.com. La stagione di Ducati Corse si chiude con la nona vittoria del mondiale Costruttori in SBK, nonostante il ritiro forzato di "King" Carl Fogarty in seguito a una brutta caduta a Phillip Island.
Nel 2001 l'azienda celebra i 100.000 Monster prodotti dal 1993 e presenta la Multistrada, Sul fronte delle corse, con una fantastica doppia vittoria ad Assen, Troy Bayliss vince il Mondiale Superbike e Ducati Corse annuncia l'intenzione di partecipare al Mondiale MotoGP dal 2003, con il nuovo motore Desmosedici. Questo è anche l'anno in cui Ducati organizza il primo corso di scuola guida su due ruote dedicato alle donne e sponsorizza la prima rievocazione storica del Motogiro d'Italia. Il 2001 verrà ricordato inoltre come l'anno della scomparsa di Bruno Cavalieri Ducati, ultimo dei tre fratelli fondatori dell'azienda, e di Fabio Taglioni, padre del motore bicilindrico a "L" di 90°

Nel 2002. viene presentata la 999, subito nominata "Moto dell'Anno" dalla rivista inglese Motorcycle News, mentre nel Mondiale Superbike, Ducati ottiene l'undicesimo titolo Costruttori.
Dopo due anni di sviluppo, nel 2003 la Multistrada diventa una realtà. L'avventura di Ducati nel MotoGP inizia con Troy Bayliss e Loris Capirossi sulla Desmosedici V4, con risultati al di sopra di ogni aspettativa: una vittoria, due secondi posti, sei terzi posti, tre pole positions e il secondo posto assoluto nella classifica Costruttori. Nel Mondiale Superbike, Ducati conquista ancora il titolo Piloti con Neil Hodgson e quello Costruttori. A ottobre, al Salone di Tokyo, vengono presentate tre nuove "concept bike": le Sportclassic.

L'edizione 2004 del WDW attira più appassionati che mai: sul palco della manifestazione, Federico Minoli annuncia il progetto Desmosedici RR, replica stradale in edizione limitata del bolide che compete in MotoGP.
Nel 2005 Ducati annuncia il progetto Hypermotard, la cui produzione sarà completata due anni più tardi. A dicembre il gruppo italiano Investindustrial diventa l'azionista di maggioranza di Ducati.

Nel 2006, in occasione del GP del Mugello, la Desmosedici RR viene presentata al pubblico. Nasce la 1098, che prenderà il posto della 999, subito eletta "Miglior Design" dell'anno.
Il 2007 vede l'arrivo del nuovo Amministratore Delegato, Gabriele Del Torchio, che prende il posto di Federico Minoli. E' anche l'anno del quinto World Ducati Week, un'edizione da record che richiama a Misano più di 50.000 appassionati e 20.000 moto. Inizia la produzione di ben tre nuovi modelli: la 1098, l'Hypermotard e la Desmosedici. Ma il 2007 sarà soprattutto ricordato come l'anno in cui Ducati ha conquistato il primo titolo Piloti nel campionato MotoGP, grazie a Casey Stoner, il 23 settembre sul circuito di Motegi in Giappone. Subito dopo Ducati si aggiudica anche i titoli Team e Costruttori, coronando un'annata indimenticabile.

Nel luglio del 2012 - viene completata l'acquisizione della totalità del pacchetto azionario Ducati Motor Holding da parte di AUDI AG, per tramite della sua controllata Automobili Lamborghini S.p.A.

L'assemblea di Ducati Motor Holding nomina il nuovo Consiglio di Amministrazione, composto dall'Amministratore Delegato di AUDI AG, Rupert Stadler, che è stato nominato Presidente del CDA, e dai consiglieri Gabriele Del Torchio e Claudio Domenicali per quanto riguarda Ducati, Horst Glaser e Axel Strotbek, di provenienza AUDI AG.

Successivamente, nel 2013 - Claudio Domenicali, Direttore Generale e membro del Consiglio di Amministrazione di Ducati, viene nominato successore di Gabriele Del Torchio.

L'attuale CEO di Ducati Motor Holding, Claudio Domenicali, è entrato in Ducati nel 1991, avendo conseguito la laurea in ingegneria meccanica presso l'Università degli Studi di Bologna. Dopo un percorso professionale di crescita all'interno dell'azienda, diventa Amministratore Delegato Ducati Corse nel 1999, nel 2005 diventa Direttore R&D prodotto e nel 2009 viene nominato Direttore Generale, responsabile dei processi di Sviluppo Prodotto ed Operations. Dal 2012 viene confermato all'interno del nuovo CdA, costituito dopo l'acquisizione di Ducati Motor Holding da parte del Gruppo Audi.

Iscriviti alla newsletter
In pole position per le novità Ducati!

Inserendo il tuo indirizzo email sarai sempre aggiornato sulle novità e le promozioni Ducati. Puoi in qualsiasi momento completare la tua registrazione e creare il tuo profilo su Ducati.com per ricevere comunicazioni personalizzate e accedere a tutte le funzionalità.
Dichiaro di aver preso visione dell'informativa redatta ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003 e dell'allegato testo dell'art. 7 del Codice privacy

acconsento al trattamento del mio indirizzo email per le finalità ivi indicate

Inserisci il tuo indirizzo mail